Details

 Tifosi (1999)

Il film racconta in chiave ironica (ma non troppo) la passione calcistica di alcuni sfegatati tifosi, e scorre seguendo quattro diversi filoni narrativi, tutti legati ad un particolare match.

Atalanta-Napoli

Il ladruncolo napoletano Gennaro Scognamiglio (Nino D’Angelo), appena scarcerato, s’introduce in un ricco attico, insieme all’amico Ferdinando (Peppe Quintale), per rubare e saldare così un suo pesante debito e salvare dalla strada se stesso, la moglie e i suoi quattro figli (due maschi e due femmine); trovando o’ decodèr in salotto, Gennaro e Ferdinando finiscono per seguire la partita del loro amato Napoli contro l’Atalanta. La voce si sparge in fretta, ed alla fine per seguire la partita nel salotto della villa si riunisce quasi mezza Napoli. Dopo la fine del match Gennaro e Ferdinando si rimettono al lavoro e “ripuliscono” l’attico, salvo poi scoprire che proprio quell’attico appartiene al loro idolo Diego Armando Maradona (nuovo allenatore del Napoli). Trovando una scusa, i due riescono a rimettere a posto tutta la merce sottratta all’ex calciatore che, solo alla fine, scoprirà quali erano le loro intenzioni iniziali. I due colpiscono il calciatore per la loro ammirazione nei suoi confronti e proprio grazie a Maradona, Gennaro riuscirà a saldare il suo debito, facendo fare al suo usuraio foto e autografi con Maradona, essendo anch’egli napoletano e tifoso del grande campione. La partita finisce 1-0 per il Napoli.

Milan-Roma

Il tassista milanese Silvio Galliani (Massimo Boldi), sfegatato sostenitore del Milan, gioca una schedina a sistema del Totocalcio dove vi è indicata erroneamente la vittoria della Roma sulla sua squadra in casa, nel posticipo serale; quando si accorge di aver fatto dodici è costretto a scegliere tra la vittoria della sua squadra del cuore o una vincita miliardaria al Totocalcio. Si imbatterà in una coppia di pericolosi ultras romanisti, Fabio e Nando (Angelo Bernabucci e Maurizio Mattioli), venuti a Milano per seguire dal vivo la partita, che lo cacceranno in un mare di guai. Alla fine vincerà la Roma per 3-1, ma il povero tifoso perderà la schedina, che aveva gettato via lui stesso al momento del gol del vantaggio della sua squadra.

Lazio-Inter

Due futuri consuoceri, il medico chirurgo Cesare Proietti (Christian De Sica) ed il pilota Alitalia Carlo Colombo (Enzo Iacchetti), si ritrovano divisi dalla loro fede calcistica in occasione del big match Lazio-Inter, rovinando la giornata dei loro giovani figli appena fidanzati (a loro insaputa), Marta Proietti (Alessandra Bellini) e Fabrizio Colombo (Giulio Brunetti); per protesta contro i padri, troppo impegnati nei loro diverbi calcistici e che inoltre hanno innescato una rissa allo Stadio Olimpico una volta reincontrati in veste di tifosi, i due innamorati fuggono di casa dopo aver spiegato loro di essersi fidanzati e che Marta è incinta, pur avendo 17 anni. Così i due “distratti” papà cercano di farsi perdonare e di rifare pace con i propri figli. Lazio-Inter finisce 1-1.

Parma-Juventus

Uno sfegatato tifoso juventino, “Zebrone” (Diego Abatantuono), dopo aver combinato l’ennesimo pasticcio ed aver minacciato di suicidarsi dopo la sconfitta della sua Juventus, in casa per 0-1, contro la Fiorentina a causa di un rigore a suo dire inesistente, viene bandito da tutti gli stadi per tre anni, ma riesce lo stesso a vedere la trasferta juventina a Parma, introducendosi in un appartamento che affaccia sullo stadio Tardini, dove abita una signora invaghita di lui. La signora però è dirimpettaia dei terribili “fratelli Culatello”, tre cattivissimi tifosi del Parma, anche loro banditi dagli stadi. I Culatello rapiscono “Zebrone” e lo rinchiudono nella sede del loro club, gli rubano la sua sciarpa di Platini, e lo costringono a proclamare frasi contro la sua amata Juve davanti ad una videocamera; ma improvvisamente si sviluppa un incendio nel club e Zebrone, prima di scappare, getta tra le fiamme la videocamera e, nel tentativo di salvare la sciarpa dalle fiamme, soccorre involontariamente uno dei fratelli Culatello rimasto intrappolato tra le fiamme, ma poi lo riaggredisce. La Juventus vincerà con il punteggio di 1-0.  IMDB

Tifosi (1999)

Tifosi (1999)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*